Gruppo di Prototipazione Virtuale e Disegno

Università di Roma
"Tor Vergata"

Dipartimento di Ingegneria dell'Impresa "Mario Lucertini" 

 

 

 

 

 

 

 

Disegno di Macchine

Docente: Prof. Eugenio Pezzuti

Pic 1

Il corso viene svolto nel secondo semestre del primo anno della laurea triennale ed è obbligatorio per i curricula in Ingegneria Meccanica, mentre è facoltativo per quelli in Ingegneria Gestionale. E’ organizzato semestralmente e dall'a.a. 2010-2011 attribuisce 6 crediti formativi. Gli studenti degli ordinamenti accademici precedenti possono tuttavia sostenere l'esame da 5 crediti formativi, secondo gli argomenti del programma corrispondente, segnalandone obbligatoriamente l'evenienza al momento della prenotazione alle prove di esame.

L'obiettivo del corso è quello di fornire agli studenti le nozioni per la rappresentazione tecnica, la designazione ed il funzionamento dei principali componenti meccanici. Il disegno tecnico in generale è lo strumento con cui l’ingegnere esplicita il risultato della progettazione e comunica le modalità per la realizzazione di quanto progettato. E’ quindi il trait d'union fra il reparto di progettazione e quello di produzione.

In particolare il Disegno di Macchine svolge questa funzione per quanto riguarda la componentistica meccanica, ovvero componenti di base singoli, quali ad esempio cuscinetti o ruote dentate, fino alla rappresentazione di insiemi complessi.
E’ un vero e proprio “linguaggio” con le sue regole e codifiche che sono raccolte in una normativa utilizzata internazionalmente.
Quindi il Disegno di Macchine, non si limita alla sola messa in tavola del componente, secondo le regole formali di rappresentazione, ma fornisce al contempo anche le specifiche necessarie per la costruzione, il controllo ed il collaudo del componente stesso, quali ad esempio finitura superficiale, livello di precisione necessario, materiali, eventuali trattamenti e quant’altro.

E’ un corso a carattere fortemente applicativo e per questo viene svolto sia con lezioni sia con esercitazioni di difficoltà crescente che hanno come oggetto gli argomenti appena svolti in aula, in modo che lo studente possa subito applicare quanto appena appreso durante le lezioni teoriche.

Le esercitazioni sono quindi una parte fondamentale del corso e contribuiscono alla votazione finale, insieme a due test scritti, uno teorico ed uno applicativo

Dall'a.a. 2011-2012 il corso viene tenuto a canale unico, senza la divisione in base alla lettera iniziale del cognome degli studenti. Per quanto riguarda Ingegneria Gestionale, essendo il corso facoltativo per tale indirizzo, è consigliato a coloro che sono orientati ad una carriera lavorativa nella gestione di processo e di prodotto.

Programma

Funzione e comunicazione del disegno di macchine. Il disegno nel ciclo produttivo. Unificazione nazionale ed internazionale. Regole base di esecuzione dei disegni: formati, tipi di linee e caratteri, riquadro delle iscrizioni. Metodi di rappresentazione delle forme e dei volumi: proiezioni ortogonali, assonometrie, sezioni. Criteri e metodi di quotatura. Quotatura funzionale, lavorazione e collaudo. Cenni alle principali lavorazioni meccaniche. Tolleranze dimensionali e sistema ISO. Tolleranze geometriche. Cenni nell'applicazione delle tolleranza nella progettazione industriale. Rugosità superficiale: principali parametri unificati, indicazioni a disegno. Elementi di macchine: alberi, perni, collegamenti filettati, sistemi antisvitamento, tipologie di collegamento albero/mozzo, saldature, ruote dentate, spine, cinghie, pulegge, catene, anelli elastici, ghiere, molle, giunti. Cuscinetti volventi e a strisciamento: criteri di scelta, montaggio e rappresentazione. Disegno di complessivi e di riduttori.

Risultati dell'apprendimento

Il corso si propone di fornire agli allievi le conoscenze base del disegno tecnico con particolare riferimento ai singoli componenti, ai loro montaggi negli assiemi e alle normative tecniche. Alla fine del corso l'allievo deve essere in grado di eseguire la messa in tavola e la quotatura di assiemi complessi.

Modalità d'esame

L'esame del corso consiste in una prova scritta finale e in una discussione delle esercitazioni svolte durante il corso.

Per accedere alle prove scritte di esame, gli studenti dovranno svolgere le esercitazioni assegnate durante l'anno accademico. La loro valutazione costituirà parte integrante della votazione finale.

Le modalità specifiche e le regole di partecipazione valide per l'anno accademico corrente possono scaricarsi al seguente link.

Propedeuticità

Nessuna. Si consiglia comunque la conoscenza degli argomenti di Fisica e Analisi Matematica.

Testi consigliati

Chirone, E., Tornincasa, S., ''Disegno Tecnico Industriale'', Voll. 1 e 2, Ed. Il Capitello, Torino.

Norme UNI per il Disegno Tecnico (M1):

 SKF Catalogo Generale (http://www.skf.com/portal/skf_it/home).

Orari e modalità didattiche

MODALITA' DI EROGAZIONE

Tradizionale (Lezioni frontali e esercitazioni).

MODALITA' DI FREQUENZA

La frequenza è facoltativa sebbene altamente consigliata.

SEDE DELLE LEZIONI

Università di Roma "Tor Vergata" - Aula 2 - Complesso Nuovi Edifici

DATE INIZIO E TERMINE

Il corso è previsto per il secondo semestre dell'anno accademico.

ORGANIZZAZIONE DELLA DIDATTICA

Per l'anno accademico 2017-2018, l'orario delle lezioni  è il seguente:

Lunedì dalle 11.30 alle 13.30 Aula 2

Giovedì dalle 11.30 alle 13.30 Aula 2

ORARIO DI RICEVIMENTO

Per essere ricevuti occorre inviare un'email al docente ( pezzuti@mec.uniroma2.it ) per prendere un appuntamento.    

 

Esercitazioni A.A. 2017/2018:

Esercitazione N.1 - data di assegnazione 19/03/2018, data di consegna 26/03/2018.

Esercitazione N.2 - data di assegnazione 29/03/2018, data di consegna 09/04/2018.

Esercitazione N.3 - data di assegnazione 16/04/2018, data di consegna 23/04/2018.

Materiale didattico integrativo

Breve dispensa sugli acciai a cura del Prof. E. Pezzuti

Video sulle misure di rugosità (parte1) [file .rar - circa 160 Mb]

Video sulle misure di rugosità (parte2) [file .rar - circa 230 Mb]

Video sulle misure di rotondità [file .rar - circa 90 Mb]

Video sui campioni di taratura [file .rar - circa 70 Mb]

Date di esame

SESSIONE ESTIVA 2017-2018 (E' possibile sostenere entrambi gli appelli)

I Appello: mercoledì 27 giugno 2018, ore 14.00, aula 3 e 4 (gli studenti saranno suddivisi in base alla lettera iniziale del cognome)

II Appello: martedì 19 luglio 2018, ore 10.00, aule 2 e 3 (gli studenti saranno suddivisi in base alla lettera iniziale del cognome)   

Modalità di Prenotazione.

La prenotazione agli appelli è obbligatoria e deve essere necessariamente effettuata in modalità telematica accedendo al portale d'Ateneo http://delphi.uniroma2.it/totem/jsp/index.jsp e seguendo le istruzioni ivi riportate. E' possibile prenotarsi agli appelli fino a 5 giorni prima dello svolgimento. Il sistema elettronico delle prenotazioni controllerà il rispetto di tale scadenza. In caso di problemi di accesso al portale, è possibile inviare un'email al Prof. Eugenio Pezzuti, chiedendo l'inserimento manuale della prenotazione, specificando nome, cognome, matricola e appello. Tali richieste dovranno essere inoltrate entro lo stesso termine di prenotazione, pena l'invalidità della prenotazione stessa.

Si ricorda che per sostenere la prova di esame è necessario aver eseguito e revisionato TUTTE le esercitazioni svolte durante il corso. Durante lo svolgimento degli esami non è possibile consultare appunti, testi, tavole o disegni. E' possibile portare consé esclusivamente il materiale da disegno (matite, gomma, riga, squadre, compasso, etc.)

Non saranno ammessi a sostenere le prove gli studenti che non si atterranno alle modalità e alle tempistiche di prenotazione descritte.

La prova scritta finale sarà suddivisa in una prova grafica e una prova su argomenti teorici. Per essere considerati sufficienti nella prova scritta occorrerà raggiungere la sufficienza in entrambe le prove. Il voto finale sarà dato dalla media delle due prove scritte e un bonus/malus sulla valutazione delle esercitazioni svolte durante il corso.